Meet you on the other side

Meet You In The Other Side du Anna Giraldo

Uscita 15/12/2015
ASIN B019D64CPK
ISBN 9781522860037
Prezzo ebook € 2.99
Prezzo brossura € 8.99

Clicca qui per leggere il racconto prequel
Acquista Amazon.it | CreateSpace
Recensioni Goodreads

Eli ha perso suo padre Max in mare eppure non sa stare senza le onde.
Jay è un figlio sbagliato e pensa che l’oceano sia soltanto un ammasso di acqua fredda dal sapore sgradevole.
Deep è venuto per loro.

Meet you on the other side è l’ultimo verso di Just Breathe, una canzone dei Pearl Jam, e questo romanzo è stato scritto con la loro colonna sonora.
Il surf, i viaggi, il mare, sono il filo rosso che unisce un intreccio di passioni profonde, incontri mancati e incroci casuali, una storia di attraversamento della vita e del confine dell’essere che assume contorni fantastici e si vela di magia.

Un anno di Pearl Jam a tutto volume in auto, un anno di letture sul surf, un nuovo amore letterario, Tim Winton, e Porto, una città che mi ha preso il cuore. È una storia strana, quella della stesura di Meet you on the other side, fatta di lunghe attese, di sogni a occhi aperti e tanta voglia di andare via.
Ma, come dice Fernando Pessoa: “So perfettamente che esistono isole del Sud e grandi passioni cosmopolite… Sono sicuro che se tenessi il mondo in pugno lo scambierei con un biglietto per Rua dos Douradores”.

Estratto

– È bello come stare qui?
– Certo, è bello. Come l’onda, ti prende e ti porta con sé, ti travolge, ti stringe nelle sue spire, ti sommerge, e non sai più farne a meno.
– Come la vita? Come svegliarsi al mattino e sentire che hai un corpo da nutrire, come respirare, Jay, è bello come respirare?
È bello come respirare? Chiusi gli occhi e cercai di riportare alla mente la sensazione che provavo quando, dopo essere stato disarcionato, riemergevo senza fiato e pieno di dolori per gli schiaffi presi dalle onde.
Ciò che avevo sentito facendo sesso somigliava più al trionfo di pochi istanti, sopra un’onda buona, ma troppo docile per dare tempo all’adrenalina di percorrerti tutto.
Forse per amore. Per amore, forse, avrebbe potuto essere bello come svegliarsi al mattino e sentire che hai un corpo da nutrire. Per amore avrebbe potuto essere come il sollievo quando finalmente si ritrova il pelo dell’acqua dopo il naufragio.
Non mi era mai accaduto per amore.
Si girò e mi guardò corrucciato. Fu un solo istante, poi riportò lo sguardo alla strada.
– Jay, se si chiama “fare l’amore”, come puoi farlo senza amore?

Leggi il primo capitolo gratuitamente

 

Just Breathe la canzone dei Pearl Jam …tutto è cominciato così.